Extramoenia

L'arte intorno a noi

Le infinite declinazioni dell'arte, le meraviglie della cultura dell’uomo, l’eterogeneo panorama delle emozioni.

All ARounT

Young at Art: la poliedricità di Salvatore Insana

Attualmente attivo a Roma, ma di origini calabresi, Salvatore Insana (Oppido Mamertina, 1984) è tra i vincitori dell'edizione 2013 del concorso “Young at Art” del MACA di Acri.
Ha concluso il suo percorso di studi magistrali nel 2010 al DAMS dell’Università di RomaTre, discutendo un elaborato sul concetto di “inutile”. Nel 2011 ha dato luce alla compagnia Dehors/Audela assieme all'attrice, coreografa e performer Elisa Turco Liveri.

 

È questa sua collaboratrice che compare immortalata nel progetto fotografico “Space time lapse”, un passaggio da una dimensione ad un'altra fatto di ricerca, vittoria e fallimento.

Anche il video “Davanti – In front of” riprende questo stesso sentimento di inquietudine e sospensione onirica trasportandola nella realtà del cosiddetto “voyeurismo” urbano, fatto di osservazione nascosta che gioca col divieto per sentirne l'eccitazione e il tormento.

 

 

*****



- Anche quest'anno gli artisti vincitori del concorso Young at Art esprimono la loro creatività attraverso tutti i linguaggi e le forme espressive dell'arte contemporanea. Come sei approdato alla tecnica che utilizzi attualmente?

Per “Young at Art” sono stato selezionato con un progetto fotografico e con un video-artistico. L’immagine, in movimento nello spazio-tempo o afferrata nell’eternità fatale di uno scatto, è ciò che attira la mia ricerca negli ultimi anni.

Ci sono arrivato nel corso di una evoluzione/involuzione e de-costruzione di quello che ho attraversato da studente, o più semplicemente da vivente/ricercatore, attraverso un'educazione o una maleducazione allo sguardo. Un allenamento alla visione. All’inquadramento del “reale” nell’obiettivo. Soprattutto per vedere e scoprire cosa ne resta fuori.

- Quali sono i tuoi temi principali? Che argomenti preferisci indagare e perché?

Mi interesso di corpi umani e non umani che sfuggono alla messa in scena o in posa. Colti in fase di transizione/trasformazione. Sfuggenti. Delle interrelazioni tra vivente e non vivente, con particolare riferimento allo scenario urbano e metropolitano. Mi accanisco alla ricerca del limite della visione, oltre l’equivoca commerciale contemporanea equivalenza tra “alta definizione” e “qualità” dell’opera. Cerco l’intensità al di là della dimensione o della durata, provando a portare al limite i linguaggi che adopero e manipolo.
Non ho a cuore per il momento la narrazione lineare di storie, quanto piuttosto una drammaturgia delle arti, augurandomi sempre più – polemicamente, politicamente - di “generalizzarmi” più che di specializzarmi. Mi sembra assurdo ridursi (ancora anche alla lettera) a genio di un ingranaggio quando poi non sai nemmeno perché, in quanto essere vivente, respiri.

- Quali sono gli artisti o i movimenti artistici, antichi e contemporanei, che più ti hanno ispirato?


I punti di ri-ferimento (prendendo il termine anche alla lettera...) sono tanti e centrifughi. In principio fu Ejzenštejn e lo stimolo a trattare la materia visiva con l'estrema attenzione compositiva dell'analista che ha a cuore l'estasi. Poi arrivò John Cage, il suo rivoluzionario antiautoritarismo, la lotta an-archica contro il pre-stabilito. La furia ostinata di Roberto Nanni. La visionarietà di Bokanowski. Il baratro visivo di Lynch. L'aldilà di Giorgio Manganelli. L’insormontabile unicità di Carmelo Bene. L'eccentricità lirico-scientifica di Gianni Toti. L'esattezza leggera di Luigi Ghirri. E ancora, o soprattutto, nella loro diversa radicalità, Marcel Duchamp, Antonio Rezza, Jean Luc Godard, e buona parte del futur-surreal-dadaismo.
Come atteggiamento nei confronti del mondo invece, prevale la deriva iper-urbana, il conflitto lirico e insanabile, insaziabile con la società, quello di Guy Debord, ma anche quello di Buster Keaton.

Per conoscere l'artista: salvinsa.blogspot.it -   workinregress-sam.blogspot.it

Twitter

Facebook

Vuoi rimanere aggiornato sugli eventi del mondo dell'arte?

SEGUI EXTRAMOENIA SU FACEBOOK
Rijoux - La bottega del riciclo e del bijoux fatto a mano

icona newsletterIscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità di Extramoenia!


Virtual Expo

icona mostra SavinioVisita la "Commedia dell'arte" di Alberto Savinio.
Il meglio della mostra che c'è stata ora è per sempre.

icona Collezione BancartisCollezione Bancartis, la promozione fuori dagli schemi della BCC Mediocrati, con la mostra "Young at art".


Extramoeniart su Pinterest