Extramoenia

Arte e cultura fuori dagli schemi

Diverso, libero, innovativo. Ecco un blogzine sensibile al mondo della tecnologia e dei social media che vuole valorizzare la creatività in tutte le sue forme!

Oltre i limiti della convenzione, entusiasta nel raccontare l’eterogeneità della creazione culturale, a disposizione di chiunque ancora creda nel valore delle idee: ecco Extramoeniart!

Mi ritorna in mente

Young at Art. BasiCally

Nel 2012, il MACA (Museo Arte Contemporanea Acri) e l’associazione culturale Oesum Led Icima hanno dato vita al progetto espositivo itinerante Young at Art, composto da una serie di mostre dislocate sul territorio regionale e nazionale, con l’intento di promuovere annualmente una serie di giovani talenti della scena artistica della Calabria. Giunto alla sua quinta edizione, il progetto sconfina oltre i limiti regionali per aprire le partecipazioni anche agli artisti Under 35 nati in Basilicata, con la convinzione che le due regioni siano accomunate da una grande fecondità creativa e una ricchezza culturale antica capace di tradursi in pratiche artistiche estremamente attuali e affascinanti.

BasiCally, il titolo scelto per l’edizione 2016 di Young at Art, oltre a essere una crasi dei nomi delle due regioni, è un avverbio inglese il cui significato, “fondamentalmente, essenzialmente”, richiama l’attenzione a quell'essenza intangibile, ma chiaramente percepibile, che accomuna il territorio calabrese a quello lucano, entrambi rigogliosi e variegati, come la produzione essenzialmente artistica che scaturisce da essi.

 

Fino alla mezzanotte di domenica 20 marzo 2016 è possibile inviare la propria candidatura (5 immagini di opere, o 3 video, corredate dalle relative didascalie – titolo, tecnica, anno e misure –, un breve curriculum artistico e una copia del proprio documento di identità), al seguente indirizzo e-mail ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ), indicando nell’oggetto “Young at Art 2016”, per partecipare al concorso preliminare attraverso il quale verranno selezionati gli artisti che prenderanno parte alla quinta edizione del progetto. Il concorso è aperto a tutti gli artisti nati in Calabria o in Basilicata non prima dell’1/1/1981. Il concorso, a tema libero, ha un’unica sezione a cui possono partecipare gli artisti impegnati nelle seguenti discipline: pittura, grafica, illustrazione, disegno, street art, scultura e installazione, arte fotografica, video arte, performance e arte virtuale. Il concorso prevede l’allestimento di un’esposizione collettiva itinerante che si svilupperà attraverso un minimo di tre tappe espositive, di cui: una al MACA (Museo Arte Contemporanea Acri), la seconda in un altro spazio espositivo ancora da definire in Basilicata, e l’ultima a Torino, nel mese di novembre, in concomitanza con la fiera d’arte contemporanea Artissima.

Ufficio stampa MACA Tel. 0119422568 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.museomaca.it

"Non cerco il reale né l’irreale, ma l’inconscio, il mistero dell’istintività della razza." AMEDEO MODIGLIANI

In mostra l’ “École de Paris”. Il termine, creato dal critico d’arte André Warnod, designa un gruppo di artisti, per lo più di origine ebraica e discriminati nei propri paesi di origine, che si raccolsero nei primi anni del Novecento nella città francese, culla degli impressionisti e dei movimenti di fine secolo.

Questa mostra presenta, intorno alla figura centrale di Amedeo Modigliani, una significativa raccolta di opere degli artisti appartenenti a questa corrente. 90 opere raccontano questa esperienza artistica ‐ accanto a Modigliani alcuni nomi eccezionali come Brancusi, Soutine, Utrillo, Chagall, Gris, Marcoussis, Survage, Picasso, tra cui sessanta capolavori provenienti dal Centre Pompidou di Parigi e da importanti collezioni pubbliche e private d’Europa.

Amedeo Modigliani incarna pienamente la figura dell’artista maledetto del XX secolo: considerato uno dei padri dell’arte moderna, anche se la sua carriera è stata straordinariamente breve e di scarso successo. Il suo genio indipendente si muove tra numerosi movimenti artistici che nascono agli inizi del Novecento, ma traendone solo ispirazione e rifiutandosi di aderirvi (come fece ad esempio con il cubismo e il futurismo).

In questa mostra Modigliani è raccontato come testimone della realtà cosmopolita della Bohème parigina, che ha segnato la sua indipendenza dai movimenti ufficiali delle avanguardie artistiche. Un accento particolare viene dato al rinnovamento della scultura all’inizio del XX secolo, sotto l’influenza delle arti primitive e di Gauguin in particolare, con un confronto tra le sculture di Modigliani e quelle di Constantin Brancusi, del quale viene ad esempio presentata la famosa Princesse X.

 

Le opere “Ritratto di Dédie”, “Lolotte” e “Ragazza rossa”, presenti in mostra, permette di riconoscere l’inconfondibile stile di Amedeo Modigliani. Negli anni trascorsi nella Parigi bohèmienne l’artista ha saputo catturare centinaia di volti: amici, sconosciuti e celebri artisti che, attraverso il suo sguardo e la sua mano, si sono trasformati in delicate ed eleganti forme allungate e geometriche.

Interessanti le iniziative didattiche dedicate alla mostra come il Laboratorio per i ragazzi. Partendo dalle opere di Amedeo Modigliani, con un gioco di scomposizione, i bambini osserveranno i particolari anatomici dei ritratti individuando forme semplici e geometriche. Da qui, con la tecnica del collage, realizzeranno nuovi ritratti stilizzati. Per i ragazzi della scuola secondaria la semplificazione delle forme e dei volumi nelle sculture offrirà lo spunto per la costruzione di ritratti tridimensionali.

La mostra è promossa da GAM e prodotta da Mondo Mostre Skira in collaborazione con il Musée National d’Art Moderne - Centre Pompidou di Parigi. La curatela scientifica è affidata a Jean‐Michel Bouhours, uno dei massimi studiosi di Modigliani e curatore del dipartimento delle collezioni moderne del Centre Pompidou di Parigi.

GAM di Torino fino al 19 luglio 2015

All ARounT

A Chelsea, gli artisti di Madre Natura

OrtensiaSi tiene in questi giorni a Londra la più importante manifestazione del mondo legata al gardening: il Chelsea Flower Show. Nato nel lontano 1862 ad opera della Royal Horticultural Society, l’iniziativa promuove la conoscenza e la diffusione dell’arte del giardinaggio, oltre ad essere uno degli eventi più mondani del Regno Unito.

Abito di fioriOgni anno l’esposizione accoglie più di 157.000 visitatori da tutto il mondo mettendo in mostra le opere di artisti e artigiani che esprimono il loro talento attraverso il meraviglioso mondo della botanica: progettisti di giardini, designer, scultori, botanici fioristi maestri in composizioni floreali sono, ovviamente, sostenuti da tanti prestigiosi sponsor internazionali.

 

Pagina 1 di 70

Twitter

Facebook

Vuoi rimanere aggiornato sugli eventi del mondo dell'arte?

SEGUI EXTRAMOENIA SU FACEBOOK
Rijoux - La bottega del riciclo e del bijoux fatto a mano

icona newsletterIscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità di Extramoenia!


Virtual Expo

icona mostra SavinioVisita la "Commedia dell'arte" di Alberto Savinio.
Il meglio della mostra che c'è stata ora è per sempre.

icona Collezione BancartisCollezione Bancartis, la promozione fuori dagli schemi della BCC Mediocrati, con la mostra "Young at art".


Extramoeniart su Pinterest